Solutions & Services
Contattaci: +39 335 6037922

Mobile Device Management

Mobile Device Management: la “Consumerizzazione” dell’IT

Per decidere quanto sia importante uno strumento di Mobile Device Management è sufficiente osservare i dati di mercato sull’eplosione dei dispositivi mobili, un mercato che ogni anno vanta la vendita di più di 500 milioni di dispositivi. Con il 90% delle aziende interessate ai tablet un CIO non può non cominciare da subito ad acquisire informazioni utili ad affrontare non soltanto l’introduzione dei tablet in azienda ma anche a come fare a gestirli in modo efficiente.
I CIO non possono permettersi di fare l’errore compiuto all’arrivo degli iPhone quando il cellulare di Apple venne trattato semplicemente come un giocattolo consumer. Oggi i CIO devono fare i conti con la consumerizzazione dell’IT e il fenomeno BYOD (Bring Your Own Device) che vede manager e dirigenti d’azienda introdurre i propri dispositivi mobili sul posto di lavoro sulla base di scelte individuali.
Con la proliferazione dei nuovi device i CIO devono pertanto rivedere e reimpostare i processi e le procedure legate alla sicurezza andando a verificare budget disponibili e costi associati ad una eterogenità crescente di scelte e di dispositivi.
La società di ricerche Gartner ha stimato che circa due terzi delle grandi aziende ed organizzazioni entro i prossimi quattro o cinque anni si doterà di una piattaforma per la gestione dei dispositivi mobile. E nel giro di quattro anni, dice Gartner, la maggior parte delle aziende sosterrà almeno due piattaforme mobili.
La necessità è tanto più impellente quanto più la percentuale di dispositivi mobili in azienda si avvicina a quella dei personal computer. La presenza di nuovi dispositivi con nuove applicazioni, nuove policies e risorse per la comunocazione richiedono nuove strategie o quanto meno una maggiore attenzione rivolta alla mobilità del personale e alla infrastruttura IT che la deve rendere possibile.
Il problema della sicurezza non si limita al dispositivo hardware ma tocca soprattutto le applicazioni e il loro utilizzo da parte degli utenti. Con organizzazioni sempre più virtuali, distribuite e mobili il problema non è più l’applicazione più o meno mission critical ma la sua rilevanza e come viene utilizzata in mobilità.
Una strategia IT è necessaria sia per motivi tecnologici quali l’adattamento delle applicazioni esistenti ai nuovi device, sia per motivi di business perchè a seconda della importanza e sensibilità del dato in circolazione è assolutamente critico sapere con certezza quale utente con quale device sta utilizzando una applicazione.
L’urgenza di una strategia di MDM adeguata non riguarda solo aziende innovative che già sono salite sul carro dei tablet per automatizzare le loro attività in mobilità ma anche per aziende più conservatrici che pure riconoscono il contesto mutato di mercato e l’esigenza di introdurre cambiamenti e strumenti innovativi.

 

Ultime News

Boole Server in questi giorni sta lanciando sul mercato italiano il suo nuovo se...
iConn ha ottenuto la certificazione \"HP Converged Infrastructure Ready\" della so...
iConn è partner nel programma HP AllianceONE\r\nLa partnership con HP riveste un ...
Boole Server vince negli SC Awards Europe 2013 come migliore soluzione DLP.\r\nBoo...
Archivio Protetto per la consegna di referti medici ed esiti diagnostici.\r\n\r\nBo...
Boole Server protegge i dati presenti su Microsoft SharePoint.\r\nBoole Server pre...
L\'Unione Europea ha semplificato le regole della Fattura Elettronica e Top Consu...
Ad oggi Boole Server garantisce la protezione dei file .dwg con il “verde” \r...
Nel panorama dei prodotti di sicurezza in ambito DLP (Data Loss/Leak Prevention)...

Offerte di Lavoro